Portabilità Vodafone: tempi, costi e ritardo

Portabilità del numero

Col servizio di portabilità Vodafone puoi cambiare operatore mantenendo il tuo vecchio numero telefonico.

Vuoi effettuare la portabilità in Vodafone ma non sai quanto costa e quali sono i tempi previsti?

Hai già avviato la procedura, ma ti ritrovi ancora col numero provvisorio, subendo di fatto un ritardo nella portabilità?

Nell’articolo ti diamo tutte le informazioni che cerchi e se sei vittima di un disservizio ti aiutiamo a risolverlo!

Noi di Problemi Telefonia, blog di Unione dei consumatori con esperienza ultradecennale nel settore, ci possiamo occupare del tuo caso velocemente e in modo totalmente gratuito.

 

 

Cos’è la Portabilità Vodafone (c.d. MNP)

La portabilità Vodafone o MNP (dall’inglese Mobile Number Portability) è quella procedura che consente al cliente/consumatore (eh si, ciascuno di noi è un consumatore quando conclude contratti con le compagnie telefoniche!) di cambiare operatore mantenendo il vecchio numero (sia fisso che mobile).

Di frequente, la richiesta di portabilità viene fatta per approfittare di un’offerta Vodafone, o di altro gestore, e può essere effettuata ogni volta che si vuole.

Spesso però “portare il numero in Vodafone”, o presso altra compagnia telefonica, può comportare diversi problemi. Come vedremo in questo articolo, non è così difficile incappare in:

  • ritardo della portabilità, con conseguente assegnazione prolungata di numero provvisorio
  • casi di doppia fatturazione indebita da parte del vecchio operatore (“donating”)
  •   la perdita del numero telefonico, nei casi più gravi

 

Come richiedere una portabilità Vodafone

Quando facciamo richiesta di portabilità, chiediamo di passare dal vecchio operatore, c.d. cedente o “donating” ad altro operatore c.d. ricevente o “recipient”.

Per chiedere la portabilità Vodafone, c.d. tecnicamente  Vodafone MNP  puoi:

  • contattare il servizio clienti al 90 (per i numeri mobili) o al numero 800 100 195  (per numeri di rete fissa e per i mobili di altri operatori)
  • seguire la procedura online sul portale dell’operatore
  • recarti nel punto vendita Vodafone più vicino a te.

Sarà il nuovo Operatore telefonico a interfacciarsi con il vecchio per espletare il passaggio, che necessita di una serie di informazioni tecniche

Ultimata la procedura portabilità Vodafone, ti sarà data comunicazione.

 

– Nuove regole per la portabilità

La  Delibera Agcom n. 86/21/CIR  ha dettato nuove regole in materia di portabilità a a far data dal 14/11/2022.

L’Autorità Garante per le Comunicazioni ha previsto controlli più severi sulle richieste della portabilità, per porre un rimedio ai casi di furto di numero o utilizzi impropri da parte di persone diverse dal titolare della sim.

Oggi, per fare una richiesta di portabilità, occorre:

  • un documento d’identità
  • il codice fiscale / tessera sanitaria
  • la SIM del vecchio operatore.

Le nuove regole, inoltre, consentono la portabilità di  un’utenza mobile a condizione che la SIM sia funzionante.

Nel caso in cui questa risulti smarrita o non funzionate, prima di richiedere la portabilità al nuovo gestore, bisognerà richiedere al vecchio operatore una nuova SIM.

 

La tempistica della portabilità Vodafone

I tempi previsti per la portabilità, riportati sulla Carta dei servizi, cambiano in funzione della compagnia telefonica o del tipo di contratto stipulato.

Una volta sottoscritto il contratto con Vodafone, e avviata la tua richiesta di portabilità, non dovrai far altro che attendere il completamento della procedura.

Ricorda che la richiesta di portabilità  del tuo vecchio numero deve essere seguita dall’accettazione da parte di Vodafone. Quindi, la sola richiesta senza accettazione  non produrrà di fatto la  migrazione del numero.

Il vecchio gestore che la rifiuta dovrà in ogni caso dovrà indicare i gravi motivi che gli hanno impedito di rendere disponibile il numero.

Solo se la tua richiesta viene accettata, ma di fatto la procedura non si è conclusa e  il tuo vecchio numero non è di nuovo attivo come Vodafone, potrai lamentare un disservizio!

Ma vediamo quali sono le tempistiche che deve rispettare il gestore e cosa accade nel caso di mancato rispetto.

La tempistica portabilità Vodafone è indicata dalla compagnia in:

  • 3 giorni lavorativi per Vodafone mobile
  • 30 giorni solari per linea fissa
  • 60 giorni solari per portabilità Vodafone adsl o fibra

Tuttavia, l’ Agcom  ha stabilito con la delibera n. 147/11/CIR (aggiornata nel 2018 dalla n.347/18) che il passaggio deve avvenire entro 2 giorni lavorativi, di cui il secondo entro il mattino del giorno successivo all’accettazione della richiesta.

Nella pratica, però spesso avviene che Vodafone  non riesce a rispettare la tempistica stabilita e  per evitare disagi all’utente, ti assegna un numero provvisorio, in attesa che la portabilità venga completata.  Ti spieghiamo meglio nel dettaglio più avanti.

 

– I due momenti della migrazione

La procedura di portabilità Vodafone consta di due momenti ben precisi

Ecco i tempi di passaggio a Vodafone:

  • Il primo è rappresentato dal “periodo di attivazione” e fa riferimento al tempo che intercorre tra la richiesta iniziale del cliente e l’attivazione del nuovo contratto
  • Il secondo viene definito “periodo di realizzazione” della portabilità.

Questa fase inizia con la richiesta effettuata nei confronti del vecchio operatore telefonico da parte del nuovo, soggiace all’accettazione del donating e si conclude nel momento in cui la prestazione viene attivata. Ovvero, dal momento in cui effettivamente il cliente riesce a telefonare con il nuovo operatore.

 

I costi della portabilità Vodafone

Nel caso di passaggio a Vodafone, i costi che dovrai sopportate sono:

  • Per i numeri mobili, i costi di emissione della nuova SIM, alla quale generalmente è attribuito un numero provvisorio iniziale, che variano in base alle offerte del momento
  • i costi di attivazione della nuova tariffa, che anch’esse variano in base alle offerte del momento e del tipo di contratto (se residenziale o business).

 

Problemi portabilità Vodafone

Tra i problemi più frequenti, che si verificano nel corso di una  portabilità Vodafone,  ricordiamo:

 

– L’addebito di costi di recesso non dovuti

È possibile che il vecchio gestore, ti chieda di pagare dei costi.

A tal proposito, distinguiamo:

  • costi di disattivazione, c.d. costi vivi per la dismissione del contratto. Questi costi sono leciti, e quindi dovuti, ma devono essere commisurati ai costi vivi realmente sostenuti dall’operatore (generalmente si aggirano sui € 30/40 euro)
  • il pagamento forfettario della bolletta riferita ai 30 giorni successivi al passaggio.

Anche questa è una clausola contrattuale lecita.

Questi costi generalmente non sono elevatissimi, anche perché i vari operatori telefonici sono obbligati a seguire le indicazioni  dall’Agcom e non possono superare certi importi.

Se il vecchio operatore ti chiede il pagamento di somme esorbitanti quasi certamente ti sta applicando dei costi non dovuti, sotto forma di “penali” illegittime o “costi di disattivazione gonfiati”  o “il pagamento di servizi non richiesti”.

Se, dopo aver attivato la portabilità del tuo numero storico con Vodafone, hai ricevuto una bolletta più cara rispetto a quanto detto sopra da parte del tuo vecchio operatore, rivolgiti a noi.

Effettueremo le verifiche necessarie per capire se le somme richieste sono realmente dovute e ti faremo avere il rimborso di quelle non dovute, ed eventualmente, anche un indennizzo economico!

 

– Ritardo e rifiuto portabilità Vodafone

Capita di frequente che la portabilità Vodafone non si concluda nel modo sperato.

Si possono infatti verificare estenuanti ritardi o  addirittura venga il rifiuto con motivazioni pretestuose, quali, per esempio:

  • assenza o errori del dato ICCD, del codice fiscale o partita Iva necessario
  • incongruenza tra ICCD E MSISDN
  • MSISDN non appartenente al donating
  • precedente richiesta ricevuta da altro recipient diverso dal donating
  • superamento del limite di capacità evasiva.

 

 – Il numero provvisorio Vodafone: la durata

Al fine di evitarti disagi, Vodafone, entro 48 ore dalla richiesta di portabilità, potrebbe assegnarti un numero provvisorio.

Lo potrai utilizzare fino a quando la procedura di portabilità non sarà ultimata.

Una volta completata la portabilità il numero provvisorio verrà sostituito con il tuo numero storico.

Va da sé che se il tuo numero storico non è ancora attivo, il tuo traffico telefonico in entrata è certamente compromesso!

Infatti, nessuno dei tuoi contatti conosce il tuo numero provvisorio e molte persone non riusciranno a raggiungerti telefonicamente.

Se ti trovi in questa situazione non esitare a contattarci.

Avvieremo per te una procedura di urgenza che obbligherà l’operatore a intervenire tempestivamente, e a corrisponderti farti avere un equo indennizzo per il disagio subito.

 

Numero provvisorio a seguito della portabilità Vodafone

Se a seguito di una portabilità Vodafone rifiutata sei rimasto con il numero provvisorio, uno dei rischi che stai correndo è quello di perdere definitivamente il numero storico, con gravi ed evidenti disagi

Al riguardo devi sapere che la compagnia telefonica è tenuta alla conservazione del tuo numero di telefono (e ciò significa che non potrà assegnarlo ad altri) per un periodo di

  • 3 mesi per i mobile
  • 6 mesi per i fissi.

 

– La doppia fatturazione

Può anche capitare, che sebbene la migrazione sia andata a buon fine dal punto di vista tecnico, e quindi che il tuo vecchio numero sia diventato Vodafone, dal punto di vista contabile-amministrativo la tua posizione non risulti aggiornata presso l’operatore cedente.

Questo può dipendere da un errore del tuo vecchio operatore: ad esempio una mancata comunicazione o erronea comunicazione tra area tecnica e area amministrativa/contabile della tua vecchia compagnia

Così potrebbe capitarti di subire una doppia fatturazione, e quindi di ricevere due bollette collegate al tuo numero di telefono, sia da parte del “ donating” che del “ recipient”.

Chiaramente ci troviamo di fronte a un’ipotesi patologica, in cui , solo una cosa è certa: non  devi pagare le bollette  al vecchio operatore!

Se ti trovi in una situazione simile segnala alla tua vecchia compagnia telefonica, ma rivolgerti immediatamente a noi per evitare che la tua segnalazione non venga presa nella giusta considerazione e cada nel vuoto.

Ci occuperemo del tuo caso e ti faremo avere lo storno delle bollette indebitamente richieste e il rimborso di quelle eventualmente pagate ( magari addebitate sul conto corrente).

 

Ricorda!

Ricorda che la  legge Bersani vieta l’applicazione di penali per la portabilità e garantisce all’utente il diritto di cambiare compagnia telefonica, pagando solo i costi fissi per la disattivazione

Quindi se hai chiesto l’MNP Vodafone e ti è stata addebitata la penale dal vecchio operatore, contattaci subito per ottenere il rimborso o non pagarla.

 

– Come monitorare lo stato MNP Vodafone

Puoi verificare l’avanzamento della tua pratica contattando il call center al 42995 e chiedendo di essere aggiornato sullo stato della portabilità Vodafone.

Se hai già chiesto la verifica  più volte, senza ottenere riscontro o se stai ancora aspettando il  passaggio a Vodafone e ti viene ripetutamente detto che a breve sarà attiva la portabilità  Ti diamo la soluzione

Rivolgiti a noi e risolveremo il problema al posto tuo, attivando una procedura  d’urgenza che ti consentirà di accorciare pure i tempi, perché nel minor tempo possibile obbligheremo l’operatore a completare la procedura!

 

Gli indennizzi per ritardo portabilità Vodafone

Tutti i contratti Vodafone prevedono che – in caso di ritardo portabilità Vodafone o altri disservizi – il cliente riceva un indennizzo automatico  che viene calcolato in funzione dei giorni di ritardo subiti e della tipologia di disservizio.

Con Vodafone si ha diritto a un indennizzo di:

  • € 2,50 per ogni giorno di ritardo
  • € 7,50 per tre giorni lavorativi di ritardo
  • € 10 € per quattro giorni lavorativi di ritardo
  • e così via fino a un massimo di  50 .

Se sei un cliente ricaricabile, dovresti ricevere il tuo indennizzo direttamente sulla SIM entro 30 giorni. Se invece hai un abbonamento, il tuo indennizzo sarà erogato in fattura/bolletta.

Sono già trascorsi 30 giorni, ma non hai ricevuto nulla?

Hai diritto a un ulteriore indennizzo per mancato accredito…affidati a noi: ci attiveremo gratuitamente e ti faremo ottenere tutte le somme che ti spettano!

Se invece non hai ancora inoltrato il tuo reclamo per ritardo portabilità Vodafone, segui le nostre indicazioni per farlo senza che il gestore abbia la possibilità di ignorarlo!

 

Come reclamare un problema di portabilità Vodafone

In caso di rifiuto o ritardo portabilità Vodafone ti consigliamo di presentare un reclamo all’operatore e di contattarci immediatamente, per evitare che tu possa perdere il numero di telefono, o non ricevere l’adeguato indennizzo economico che ti spetta.

Puoi segnalare il mancato rispetto della tempistica  o altri problemi legati  portabilità Vodafone con diversi canali.

Noi ti consigliamo di contattarci subito per evitare che tu possa essere ignorato/a come tutti gli altri. Non costa nulla, ma ti assicura l’unica cosa che conta: la soluzione del problema e spesso anche un indennizzo economico.

Diverse sono le modalità per presentare un reclamo a Vodafone (trovi tutti i contatti utili a fondo pagina).

Il nostro consiglio però rimane quello di presentare un reclamo in forma scritta perché questo ti consente di:

  • provare l’avvenuta presentazione e la ricezione da parte dell’operatore
  • avviare esplicitamente e formalmente un richiesta di indennizzo economico

📥 RECLAMO VODAFONE

La cosa fondamentale da ricordare è che il reclamo in forma scritta obbliga l’operatore a intervenire e a  rispondendo entro 45 giorni. Se non lo fa, dovrà corrisponderti anche un indennizzo per mancata risposta al reclamo.

 

Come risolvere il problema di ritardo portabilità Vodafone

Se hai avuto dei problemi di ritardo, rifiuto di portabilità Vodafone, o una doppia fatturazione da parte del vecchio operatore non disperare.

Problemi Telefonia è il blog di Unione dei Consumatori specializzato in telecomunicazioni. Aiutiamo da oltre 10 anni chi, come te, ogni giorno si scontra con le ingiustizie che gli operatori spesso commettono a tua insaputa !

Tutti questi servizi saranno per te completamente gratuiti (leggi la liberatoria). E non perché i nostri legali lavorino gratis, ma perché abbiamo scelto di addebitare a Vodafone ecc. i costi sostenuti per la difesa dei tuoi diritti, e non certo a te, consumatore come noi!

Non ci credi? Leggi cosa dicono coloro che si sono già fidati di noi.

Come ti aiutiamo

Ricevuta la tua segnalazione:

  • un nostro consulente specializzato in telefonia ti ricontatterà per ascoltare cosa ti è successo e spiegarti a cosa hai diritto
  • un avvocato esperto in materia si farà interamente carico del tuo problema
  • potrai monitorare in ogni momento lo stato della tua pratica nella tua area riservata all’interno del nostro sito.

📝 RICHIEDI ASSISTENZA GRATUITA!

PER SAPERNE DI PIÙ

– I contatti  per reclamare un problema  di portabilità Vodafone

Puoi contattare il servizio clienti al:

  • 190, numero gratuito e attivo dalle 8:00 alle 22:00. Dalle 22 alle 8 è attivo solo per il blocco della SIM o in caso di furto o smarrimento. Ti risponderà TOBi, l’assistente digitale, e se servisse ulteriore aiuto ti farà parlare con un operatore.
  • 800 100 195, numero gratuito per numeri di rete fissa o numeri mobili di altri operatori, attivo dalle 8:00 alle 22:00.
  • +39 349 2000190, gratuito dall’estero, attivo dalle 8:00 alle 22:00 ora italiana.

– Tobi o WhatsApp

  • 3499190190 Servizio gratuito con app di WhatsApp. Il servizio richiede una navigazione con rete Wi-Fi oppure un piano telefonico dati attivo. Il servizio è attivo 24/7.

– Servizio Clienti Vodafone

  • 0284594650, attivo dalle 8:00 alle 21:00, dedicato esclusivamente all’assistenza su Vodafone TV

– Servizio Clienti per le aziende

  • 42323, attivo dalle 8:00 alle 22:00
  • +39 348 2002323dall’estero, attivo dalle 8:00 alle 22:00 ora italiana
    800 227 755 per numeri di rete fissa o numeri mobili di altri operatori, attivo dalle 8:00 alle 22:00.

Se hai deciso di seguire il nostro consiglio, ed usare la forma scritta, puoi inoltrare la tua segnalazione scritta mezzo Pec o tramite raccomandata A/R:

PEC all’indirizzo [email protected]

lettera raccomandata a:

  • Linea mobile: Casella Postale 190 – IVREA
  • Linea fissa: Casella Postale 109 – ASTI

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 5]
Condividi con:

Lascia un commento

Ti aiutiamo a risolvere i problemi col tuo gestore

Contatti

Contatti

Lavora con noi

 

 

 

 

Risolvi il tuo problema

Scegli  e  clicca


Invia messaggio